Microsoft compra Atom, Electron e l'Open Source

Microsoft ha acquistato GitHub. Partendo da questa cosa ci sono molti discorsi che si possono fare partendo dalla domanda che tutti si fanno: “Cosa cambierà nella gestione dei progetti Open Source e/o pubblici?

La risposta che apparentemente molti sviluppatori hanno date è qualcosa come “Non mi fido e non voglio rischiare” e hanno fatto la migrazione su Gitlab dei loro progetti.

Personalmente l’acquisto di Github mi ha fatto molto pensare. Quanto del mio codice affiderei ad una ditta terzi che non controllo? E questo mi ha fatto pensare. Ci sono dei progetti che io ritengo molto importanti e che sento la necessità di avere comunque io. Questo mi ha portato a crearmi un host per i miei repo, o per lo meno quelli che ritengo importanti.

E poi, su twitter trovo un retweet vecchio di 4 anni che afferma che l’unico che potrebbe acquistare Github è Microsoft. E questo mi ha fatto pensare ancora di più.

Questo tweet mi ha fatto pensare a cosa realmente è l’acquisto di Github, ovvero l’acquisto di più servizi, non solo il codice del sito Github.

  • Electron Libreria JS e motore di Visual Studio Code, a cui Microsoft partecipa allo sviluppo
  • Atom Edito di testo, attualmente alternativa a Visual Studio Code, altamente customizzabile
  • HuBot Framework per bot integrabili con Github

I miei dubbi si esplicano in alcune domande:

  • Dato che Github aveva problemi Microsoft la ha acquistata per mantenerla a galla e funzionante?
  • Sono interessati a prendere il controllo del mondo OpenSource? O vogliono solo contribuire?
  • Vogliono controllare più pesantemente lo sviluppo di Electron?
  • Vogliono controllare lo sviluppo di Atom?
  • Vogliono aumentare i servizi collegati ad Azure legando Github e tutto il marketplace?

Solo il tempo ce lo dirà e sono curioso di cosa faranno con Github e posso solo dire di essere triste che questo colosso dell’Open Source ora è legato a uno dei Big 51


  1. Apple, Microsoft, Amazon, Facebook, Google [return]
comments powered by Disqus